La novità del 2019 per aziende e professionisti è la fatturazione elettronica tra privati, cioè un sistema digitale tramite il quale lo Stato diventa il centro di interscambio delle informazioni (anche riservate) di tutta l’economia privata.

Si tratta di un sistema imposto con la scusa del contrasto all’evasione fiscale ma che ha in realtà obiettivi ben più rilevanti in termini di controllo delle attività economiche. Il fatto che tale assurda imposizione sia stata accettata senza particolari proteste dimostra ancora una volta che la politica della rana bollita è sempre efficace e costantemente applicata.

Il Garante della Privacy ha ufficialmente espresso enormi dubbi circa la legittimità del trattamento dati relativo alla fatturazione elettronica, ma tali osservazioni sono state, come ci si poteva aspettare, totalmente ignorate dal legislatore.

Va inoltre rilevato che la fatturazione elettronica non ce la chiede l’Europa, anzi, per poter applicare la normativa l’Italia ha avuto bisogno di una deroga speciale della UE valida fino al 2021.

Riteniamo che, così com’è congegnato, il sistema di fatturazione elettronica sia troppo invasivo e lesivo della privacy e che le informazioni fornite siano assolutamente sovrabbondanti rispetto all’obiettivo che l’Agenzia delle Entrate intende raggiungere, cioè il contrasto all’evasione fiscale. Posto poi che chi non faceva la fattura cartacea non farà certamente neppure quella elettronica, è evidente che l’intero sistema sia stato creato solo per acquisire informazioni e rendere sempre più deboli e ricattabili le piccole e medie imprese italiane.

Intendiamo quindi studiare una forma di protesta nei confronti del sistema di fatturazione elettronica. Per raccogliere spunti e idee sulle azioni da mettere in atto abbiamo creato il gruppo Facebook denominato: “Abrogare la fatturazione elettronica e le altre leggi assurde“, invitiamo tutti coloro che sono sensibili all’argomento a partecipare alla discussione.

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shortlink